Lavoro: i profili più ricercati del 2017

by Blogger Indipendenti on

Quando si parla di lavoro, specialmente negli ultimi tempi, le certezze sono sempre poche e i dubbi tantissimi. Ogni tanto però vengono pubblicate delle ricerche e degli studi di settore che mettono in luce delle dinamiche ormai fisse grazie alle quali poter comprendere un po’ di più come sta cambiando, e come cambierà, il mondo del lavoro in Italia.

È il caso dell’ultima indagine pubblicata da ManpowerGroup – multinazionale leader mondiale nelle innovative workforce solutions -, nella quale sono elencati i profili professionali che nel corso dell’anno appena cominciato saranno i più richiesti. Ma entriamo più nel dettaglio e scopriamo cosa ci dice la ricerca di Manpower.

Stando agli esperti della società milanese, nel 2017 i profili sicuramente più richiesti saranno: il sales manager, il process operator, il bartender, il key account manager e l’asset manager. Parole troppo strane? Lavori nuovi? Neanche tanto, perché il mercato del lavoro è ormai da qualche anno che si muove in questa direzione, aprendosi a figure professionali che si stanno affermando sempre di più e non sono poi così “aliene”. Quelli appena elencati, del resto, sono gli stessi profili individuati nella ricerca relativa al 2016, a dimostrazione del fatto che la corrente è ormai questa.

Il mercato del lavoro resta quindi orientato verso figure lavorative dinamiche, soprattutto nel settore commerciale, e in grado di portare benefici economici immediati. Per quanto poi riguarda le caratteristiche contrattuali, abbiamo a che fare con una situazione caratterizzata da estrema flessibilità, in cui la retribuzione finale è legata in tutto o in parte alle commissioni sulle vendite e dove quindi l’impresa rischia poco o nulla nell’investire nel nuovo dipendente. Se poi consideriamo che il lavoratore è spesso dotato di propria partita iva allora è ovvio che le spese per l’azienda si annullano.

Sono inoltre ancora abbastanza ricercati – e si tratta sempre di una conferma – quei profili orientati verso ruoli di responsabilità, e che hanno quindi già maturato una certa esperienza in un determinato settore.

Infine, tra i nuovi profili professionali emergenti, ormai però del tutto in via di consolidamento, troviamo tutti quelli che hanno a che fare con il software e con l’economia digitale. Muoversi al meglio tra le varie strutture informatiche sarà sempre più fondamentale per poter trovare un lavoro, considerando che ormai vengono richiesti le basi della programmazione anche per figure professionali che fino a qualche anno fa non avrebbero mai avuto a che fare con un pc.

Written by: Blogger Indipendenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *