Investire in Borse europee sfruttando i dati macro

by Blogger Indipendenti on

I mercati azionari sembrano essere ben disposti a seguire un 2017 di tiepido sviluppo positivo. Una tendenza che sembra d’altronde essere supportata dalla possibilità di poter assistere a un quadro macroeconomico in discreto miglioramento, che a sua volta conduce a stimare effetti positivi sui bilanci societari nel corso dei prossimi trimestri.

Avvio d’anno incoraggiante

Limitandoci al primo periodo disponibile, non possiamo certamente sottovalutare come i primi mesi abbiano fornito indicazioni sicuramente incoraggianti, grazie alle spinte fornite dalle indagini di fiducia dell’area euro, in virtù delle quali è ben possibile stimare un’accelerazione del ciclo economico nell’ambito di questa parte del 2017.

L’indice PMI composito si è spinto sui massimi degli ultimi sei anni, favorito da un contributo positivo dei servizi e del manifatturiero, e il PIL dovrebbe beneficiarne, chiudendo l’anno almeno sui livelli 1,6-1,7%, da prolungarsi poi per il 2018.

Stime di crescita in rialzo spingeranno le Borse in su?

Quanto sopra, come già intuibile, potrebbe condurre gli analisti a rivedere la rialzo le stime di sviluppo dei principali mercati finanziari. Di fatti, se i segnali incoraggianti sul fronte macroeconomico dovessero effettivamente tradursi in un miglioramento dei bilanci societari, è ben possibile che il tutto si possa poi riflettere nella nascita di nuove opportunità di investimento per i trader online.

Peraltro, già nel corso degli ultimi mesi i principali osservatori hanno più volte rivisto al rialzo – per quanto concerne gli utili per azione – il panorama europeo e italiano, e già nel corso degli ultimi mesi non sono mancate le revisioni positive per quanto concerne gli utili operativi e i fatturati delle principali società quotate sui mercati regolamentati, in tendenza precisa di recupero rispetto a quanto non fosse stato possibile registrare nell’anno precedente.

Il contributo del Forex

Non solo. In aggiunta a quanto sopra risulterà certamente utile notare come una mano d’aiuto potrebbe arrivare dalla componente valutaria, con l’euro che è visto – almeno nel breve termine – ancora in marginale indebolimento nei confronti del dollaro USA (secondo alcuni analisti potrebbe esser così per tutto l’anno). Tuttavia, nel corso dei prossimi 12 mesi la valuta unica europea potrebbe prendere la prevista strada della ripresa, andando a modificare l’approccio nei confronti del 2018.

Alla luce di quanto sopra, riteniamo che l’investimento sui mercati azionari dell’area euro possa realmente essere un’opportunità da tenere in considerazione nel corso dei prossimi mesi. Il tutto, naturalmente, non potrà comunque che discendere dalla necessità di effettuare un’attenta formulazione strategica, un piano di trading che, basandosi sulla diversificazione in ottica di un miglior allineamento con il proprio profilo di rischio finanziario, possa condurre il trader verso i migliori risultati attesi.

Su http://www.investireinborsa.me/guida/ potete ad esempio consultare una buona guida su come comportarsi prima di sbarcare nei mercati finanziari, e su cosa fare una volta che si ha avuto accesso al trading online. Vi consigliamo caldamente una profonda lettura a questa e alle altre fonti informative, al fine di costituire un solido bagaglio di conoscenze che non potrà che tornarvi utile in sede di trading.

Written by: Blogger Indipendenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *